Le imprese stanno usando tecnologie emergenti quali intelligenza artificiale (IA), Internet of Things (IoT), edge computing, realtà virtuale (VR) e realtà aumentata (AR) per trasformare il loro modo di lavorare.

Il filo conduttore che accomuna queste tecnologie è la necessità di trasmettere ed elaborare dati ad altissime velocità. Le reti 5G, che iniziano gradualmente a prendere piede in tutto il mondo, dovrebbero fornire la larghezza di banda mobile necessaria per sfruttare appieno queste e altre nuove tecnologie, e l’esplosione di dati da esse generati.

La velocità di una rete 5G è esponenzialmente superiore a quella del 4G: le stime parlano di velocità da 20 a 100 volte superiori. Ovviamente queste velocità implicano una latenza decisamente inferiore rispetto a quella sperimentata dagli utenti mobili con le reti 4G. Tra gli altri vantaggi del 5G vi sono una maggiore capacità, flessibilità e affidabilità.

Benché questa sia un’ottima notizia per i consumatori che vogliono scaricare film sul proprio smartphone in pochi secondi, si prevede che il 5G sarà la prima generazione di reti mobili ad avere un maggiore impatto sulle imprese che sui consumatori. Questo è principalmente dovuto alla velocità e alla maggiore capacità del 5G, in grado di gestire il volume di traffico proveniente da dipendenti remoti, clienti, partner, applicazioni, dispositivi mobili e integrati, reti edge e altre origini.

Le caratteristiche e funzionalità del 5G consentiranno alle organizzazioni di fare cose mai fatte prima, rivoluzionando interi settori e persino comunità. Per esempio,

  • sarà possibile realizzare stabilimenti intelligenti all’interno dei quali i dispositivi connessi saranno in grado di comunicare tra di loro e percepire i rispettivi ambienti. Questo consentirà alle macchine intelligenti, come robot in una catena di montaggio o per il controllo qualità dei prodotti, di prendere decisioni in tempo reale. Il 5G offrirà l’elevata larghezza di banda, la bassa latenza e la scalabilità necessarie per fornire dati fruibili quasi all’istante, aumentando la produttività e riducendo downtime e costi di manutenzione.
  • La telemedicina è cresciuta drasticamente durante la pandemia di COVID-19, con gli operatori sanitari che sono stati costretti a chiudere i centri ai pazienti. Questo sta mettendo a dura prova le reti del personale sanitario, alle prese con problemi di latenza di rete quando deve interagire con i pazienti o caricare immagini mediche. Il 5G consentirà agli operatori di trasmettere rapidamente file di immagini di grandi dimensioni, usare video di alta qualità durante visite di telemedicina, aumentare la capacità di monitorare i pazienti con l’uso di dispositivi IoT indossabili e domestici, o persino eseguire interventi chirurgici da remoto.
  • Le aziende del settore energetico e dei servizi di pubblica utilità sono sotto pressione perché devono gestire maggiori volumi di domanda tenendo sotto controllo i costi di produzione e distribuzione nonché l’utilizzo di energia. Il 5G avrà un ruolo fondamentale nel supportare le reti energetiche intelligenti che sfruttano sensori e contatori per scalare in tempo reale in modo da soddisfare l’evoluzione della domanda energetica.
  • Il 5G sarà fondamentale anche per il successo delle città intelligenti e dei veicoli autonomi, che dovranno essere in grado di analizzare e rispondere in tempo reale ai cambiamenti che avvengono nel proprio ambiente, ad esempio un pedone che compare all’improvviso sulla strada o un altro veicolo che sterza bruscamente nella propria corsia.

 

Oltre alle soluzioni specifiche di settore, il 5G offrirà vantaggi a qualsiasi impresa che si avvarrà di tecnologie ad uso intensivo di dati, come la realtà virtuale e quella aumentata per la formazione dei lavoratori e la riparazione di apparecchiature. E in un mondo post-pandemia, dove un numero molto più elevato di dipendenti lavora da remoto, la velocità e la bassa latenza del 5G aumenteranno la loro produttività, consentendo una collaborazione a lunga distanza con colleghi e partner commerciali.

Per garantirne la sicurezza, la diffusione del 5G su vasta scala sta incontrando problematiche e ostacoli. Realizzare una rete 5G richiede infatti un ingente investimento in termini di infrastrutture, in gran parte perché le frequenze 5G non raggiungono le distanze delle frequenze 4G (o non viaggiano altrettanto bene attraverso oggetti solidi). Questo significa che gli operatori non solo dovranno costruire più torri, ma anche installare piccole antenne per potenziarne il segnale.

Considerando le esigenze di manodopera necessarie per realizzare una rete, la crisi globale di coronavirus potrebbe ritardare ulteriormente la costruzione delle infrastrutture e la produzione di dispositivi compatibili con il 5G. Ma vista la quantità di denaro che operatori come AT&T e Verizon hanno già investito in infrastrutture di questo tipo, oltre all’ovvio potenziale del 5G per sprigionare il valore delle tecnologie digitali emergenti, è evidente che l’unica domanda relativa a questa tecnologia di ultima generazione è “quando”, non “se”.